Eventi

Conferenza internazionale: “Computers, Privacy and Data Protection” – Bruxelles, 22-24 gennaio 2014

 

 

Oggi si assiste ad una vera e propria esplosione del volume di dati relativi alla localizzazione di persone e oggetti. Questo genere di informazioni è registrato in maniera esplicita quando, ad esempio, un utente acconsente all’utilizzo dei suoi dati geografici su un social network, ed in maniera più implicita dai tracker GPS dei veicoli e dai tag RFID (Radio-frequency identification) degli oggetti in movimento. A volte, inoltre, questi dati possono essere estrapolati da particolari azioni che lasciano “tracce digitali”, come ad esempio gli addebiti su carta di credito nei negozi o l’utilizzo dei sistemi di bigliettazione elettronica su smartcard per i mezzi pubblici.

Com’è noto, se da un lato i dati di localizzazione costituiscono una risorsa importante, dall’altro possono rappresentare una seria minaccia per la privacy degli utenti, in quanto un’analisi di informazioni geografiche può facilmente portare allo scoperto dati sensibili, come, ad esempio, preferenze religiose o politiche. Bilanciare l’aspetto di utilità delle informazioni di localizzazione e la protezione dei dati è diventata una vera e propria sfida per il legislatore.

Sarà questo uno dei temi della settima conferenza internazionale “Computers, Privacy and Data Protection” che quest’anno sarà dedicata al tema della prospettiva globale sulle possibilità di riforma della normativa per la protezione dei dati personali. La conferenza si terrà a Brussels dal 22 al 24 gennaio 2014.

In particolare, un approfondimento sulle privacy in mobilità e i dati di geolocalizzazione sarà il tema del panel pomeridiano di venerdì 22 gennaio, al quale parteciperà l’ Avv. Annarita Ricci dello Studio Legale Finocchiaro.